Ca Granda

Fondazione Sviluppo Cà Granda IRCCS ha iniziato il rilancio del patrimonio artistico storico e culturale in due direzioni: il rilancio del patrimonio in Milano e il rilancio delle abazie e cascine che possiede nella provincia di Milano.
Poiché la gestione della Cà Granda è rivolta agli ospedali e alla cura degli infermi, la Fondazione ha ritenuto opportuno cercare un partner che offra garanzie di serietà e che abbia tra i suoi scopi principali quelli culturali e di rilancio del patrimonio storico, artistico e culturale della città.
Ha così scelto di allearsi con il Rotary e in particolare con la nostra Fondazione perché ritenuta dal suo Consiglio di Amministrazione in grado di raccogliere in un unico progetto più club.
E’ nato così un contratto che è stato firmato nel mese di Aprile dal presidente della Cà Granda Arch. Marco Giachetti, dall’Avv. Michele Monti Presidente della Fondazione e per il Rotary dal presidente del RC Milano Ing. Carlo Loi.
Il primo passo è stato quello di organizzare insieme alla Cà Granda una serie di conferenze presso la Cà Granda.
Far conoscere la storia di Milano e i suoi tesori a “coloro che contano nella città” e alla stampa è il primo passo per suscitarne un interesse culturale alla storia di Milano, ai suoi tesori, e di conseguenza un interesse turistico.
Se i media parlano della Cà Granda, diventa imperativo per i turisti italiani e stranieri visitarla, fermandosi così per più tempo a Milano, con un conseguente vantaggio economico per tutta la città.